Mondolinx

La primavera dei carrelli elevatori è più forte del lockdown

Il lockdown risparmia il settore dei carrelli elevatori, che grazie al CircuitoLinx ha visto un aumento delle vendite effettuate nel periodo delle chiusure. Tecnocarrelli, azienda di Pozzo d’Adda iscritta al Circuito, non ha rinunciato a mettere in Circuito la newsletter dedicata che aveva già pianificato prima del lockdown. Grazie ad una serie di offerte promozionali mirate messe a disposizione degli iscritti con alte percentuali di compensazione, Tecnocarrelli ha potuto concludere diverse vendite, nonostante il periodo di restrizioni e chiusure. Diversi i modelli di transpallet manuale ed elettrico, da quelli più economici a quelli più grandi e performanti, che sono stati forniti agli iscritti al Circuito, tra cui uno manuale all’impresa di giardinaggio di Francesco Carugati (di Rovellasca, in provincia di Como) che è stato consegnato affidandosi a sua volta ad un’azienda iscritta, la Transpotek di Como, per il trasporto (con compensazione in Linx), grazie alla mediazione del broker di zona. Gli altri mezzi sono stati venduti alla Syrax, azienda di facility management di Cesano Boscone, in provincia di Milano (due manuali), alla Tucano Service di Villadossola (Verbania) e alla Vinicola Negri di Lecco, mentre hanno acquistato un modello di transpallet elettrico l’azienda Linea Grafica di Cura Carpignano (Pavia) e la Tecno Agri di Conselice. Ma anche Eurocar, azienda di Travagliato specializzata nel settore dei carrelli elevatori, fresca di iscrizione al Circuito, è riuscita subito a piazzare un mezzo al 100% in Linx ad Acquaviva, a Travagliato.