Mondolinx

Trasformare un camper del 1986 in un modello innovativo: Mobility r-Evolution si affida al Circuito per la grande impresa

Tra gli iscritti al Circuito, Mobility r-Evolution, azienda milanese impegnata nella costruzione di una rete di imprese operanti nel mercato della mobilità sostenibile e nel retrofit elettrico dei veicoli, è una di quelle che più ha compreso quanto sia fondamentale la circolazione e l’aggregazione lavorativa locale per favorire la crescita delle piccole e medie realtà del territorio. «Siamo consapevoli dello strumento innovativo proposto da Circuito Linx - ha spiegato Gaetano La Legname, amministratore delegato di Mobility r-Evolution - abbiamo deciso di entrare a farne parte sia perché i nostri progetti procedono nella medesima modalità e con gli stessi principi, sia perché il fine che abbiamo in comune noi e CircuitoLinx è fondamentale per contribuire alla ripresa e all’espansione della nostra economia». Nell’ultimo periodo, Mobility r-Evolution e le imprese che ne fanno parte si stanno concentrando su un progetto particolarmente innovativo: a seguito del provvedimento legislativo del dicembre 2015 n.219 riguardante l’introduzione del retrofit elettrico, hanno deciso di attuare una restaurazione completa di un camper del 1986, che diventerebbe il primo esempio di veicolo d’epoca rinnovato per rispettare gli standard ambientali ed ecologici del futuro. Per la sua realizzazione, in particolare, hanno contribuito diversi iscritti al circuito, tra cui Vintage Garage, azienda comasca che si sta occupando della restaurazione generale, Fabric Design, che si occupa del rivestimento e dei tessuti e Viganò Legnami, incaricata di concentrarsi sulla sistemazione della cellula abitativa. «È bellissimo quello che stiamo creando - ha continuato La Legname - con questo singolo progetto siamo riusciti ad includere innumerevoli professionisti iscritti al circuito e stiamo ancora cercando nuovi collaboratori che possano occuparsi delle parti mancanti o dei settori che richiedono qualche sforzo ulteriore. Appena terminato il progetto abbiamo intenzione di utilizzare il camper restaurato per un tour tra diverse regioni e nel frattempo abbiamo in programma di fare diverse soste in punti di interesse rigorosamente associati al Circuito e alle altre reti di economia circolare come Golfo Gabella, il Ristorante Grotto La Dispensa, o la Quintalina: non vediamo l’ora».