Mondolinx

Il Birrificio Via Priula cresce grazie a Circuito Linx

All’orizzonte, oltre al nuovo impianto, c’è persino la produzione di una birra con Agricanapa.

La birra proveniente dal Birrificio Via Priula di San Pellegrino è un perfetto prodotto del territorio. E i suoi soci, ossia Giovanni Fumagalli, Alberto Bosio, Mauri Zilli e Riccardo Redaelli condividono con Linx il rispetto e la voglia di impegnarsi per una crescita locale. Ad aprile il birrificio è entrato nel Circuito e ha iniziato a muoversi: “Prima abbiamo partecipato a due Aperilinx, quindi abbiamo conosciuto un paio di produttori di generi alimentari – ha spiegato Alberto Bosio – siamo poi entrati in contatto con Agricanapa, azienda di Bagnolo Mella che produce canapa. Ci piacerebbe sviluppare una collaborazione con loro per realizzare insieme una birra”. In questi pochi mesi il Birrificio Via Priula, oltre ad essere presente su Cralinx, ha effettuato alcune vendite a privati (ma anche ad un B&B nella bergamasca) e si è fatto realizzare la grafica pubblicitaria per il proprio furgone da Decortech, altra azienda che opera in linking economy. In cantiere c’è poi la collaborazione con il corriere espresso HLN, per un’eventuale vendita al dettaglio su Bergamo città. Insomma, il birrificio si sta preparando nel modo migliore per il grande passo, ossia per l’apertura del nuovissimo impianto. A metà ottobre sarà finalmente operativo e la previsione è che le prime birre prodotte ufficialmente a San Pellegrino Terme nell’impianto di proprietà del Birrificio Via Priula arrivino ad inizio 2019. Grande soddisfazione per Giovanni Fumagalli, socio fondatore: “Sono partito come homebrewer nel 1992, quindi nel 2010 con altri amici è nato il birrificio senza impianto, personalmente ideavo la ricetta e partecipavo alla creazione – ha spiegato – ora la produrremo noi, a San Pellegrino, e ciò è importante per la nostra filosofia territoriale che condividiamo con Linx.
Entrare nel circuito ci ha dato opportunità interessanti, abbiamo l’occasione di fare sistema e di condividere ciò che facciamo con gli altri produttori”.